DONATE

Il tuo concreto aiuto può fare la differenza

read more

BECOME OUR FRIEND

Un'occasione per essere protagonisti

read more

MASTER PER GIOVANI PALESTINESI

L’esigenza di formazione specialistica relativa al settore della tutela e conservazione del patrimonio artistico archeologico è stata segnalata a Hope da enti istituzionali dei Territori Palestinesi Occupati, fra i quali il Ministry of Tourism and Antiquities , la Bethlehem University in the Holy Land e il Centre for Cultural Heritage Preservation.

Hope ha coinvolto alcune istituzioni accademiche italiane di primaria importanza per dare avvio ad un programma pilota di formazione postuniversitaria altamente specialistica destinata a giovani laureati provenienti dai Territori Palestinesi Occupati.


E’ stato così istituito il International Master in Management and Preservation of Artistic Cultural Heritage in the Near East, che prevede un percorso di specializzazione post-laurea professionale finalizzato all’ingresso nel mondo del lavoro e dell’attività imprenditoriale.

Un concorso internazionale per borse di studio e stage all'estero, rivolto alle università dei Territori Palestinesi Occupati e ideato da Hope, ha permesso di identificare 20 studenti palestinesi laureati in differenti discipline, desiderosi di avviare il loro percorso professionale nella tutela e valorizzazione dei beni e del patrimonio artistico-culturale del vicino Oriente attraverso questa formazione accademica e operativa organizzata da Hope in Italia.

Venuti a Milano nel settembre del 2011 con una borsa di studio, hanno iniziato il loro percorso di specializzazione nelle varie discipline che concernono tale settore, dal restauro alla museologia, dalla catalogazione dei beni all'archeologia, approfondendo tutti gli aspetti generali della conservazione e valorizzazione dei beni artistico-culturali. L'esperienza di incontro e di formazione con i docenti universitari dell'Università del Piemonte Orientale, dell'Università Cattolica di Milano, i tecnici specializzati della Sovrintendenza ai Beni Culturali e i responsabili di alcune realtà museali della Lombardia e del Piemonte ha permesso ai giovani studenti palestinesi non solo di apprendere nozioni teoriche, ma di sperimentare aspetti operativi della vita di laboratori di restauro, di scavi archeologici, di archivi, di musei.

L'obiettivo per ciascun partecipante prevede che le maturate competenze nel settore della conservazione e della tutela del patrimonio artistico e culturale vengano messe al servizio di istituzioni pubbliche, enti religiosi e altri organismi presenti in Palestina per sviluppare iniziative già avviate nel territorio che necessitano di figure professionali specializzate.

La maggioranza dei giovani palestinesi, al rientro nelle città dì origine, ha trovato un impiego nel settore del turismo e della tutela dei beni artistici.

La strategia operativa di Hope prevede la replicabilità di questo progetto pilota di formazione ed avviamento all’imprenditoria giovanile nel settore artistico-culturale, ambito così strategico allo sviluppo del Medio Oriente, in contesti culturali similari quali la Giordania, il Libano. l'Egitto e Israele.

Awards

Riconoscere l'eccellenza di un approccio metodologico innovativo